Vai al contenuto

Come Investire in Vino

Come Investire In Vino

Per molti, investire significa acquistare azioni, obbligazioni e fondi. Ma potresti anche trarre profitto da una bella bottiglia di Cabernet o Sauvignon Blanc, se sai come sceglierli.

Ecco tutto ciò che devi sapere per investire nel vino, anche se non hai ancora una cantina.

Questo post contiene link di affiliazione. Per maggiori informazioni, leggete la mia Informativa

Questo articolo è stato redatto da esperti del settore enologico con anni di esperienza nell’industria del vino e negli investimenti. Ogni consiglio fornito è basato su ricerche approfondite e su un’analisi dettagliata del mercato del vino. Collaboriamo con sommelier certificati, analisti finanziari e altri professionisti per garantire che le informazioni presentate siano accurate e rilevanti. Tuttavia, si consiglia di consultare un consulente finanziario prima di prendere decisioni di investimento.

Disclaimer: Le informazioni contenute in questo articolo sono a scopo informativo e non costituiscono consulenza finanziaria. Si raccomanda di consultare un consulente finanziario qualificato prima di prendere decisioni di investimento.

Il vino è un buon investimento?

Investire in vino, come in qualsiasi altro bene alternativo, può aggiungere una preziosa diversificazione al tuo portafoglio. Mentre azioni e obbligazioni seguono i cicli noti di espansione e recessione, i vini pregiati offrono rendimenti con una correlazione minima o nulla rispetto agli asset tradizionali. A volte, il loro andamento è addirittura inversamente proporzionale al mercato azionario.

Gli esperti ribadiscono spesso l’importanza della diversificazione, e il vino offre un’opportunità unica in tal senso. Il suo valore non dipende dall’economia, dai tassi d’interesse, dagli utili aziendali o dalle tendenze degli investitori tradizionali.

Il valore del vino si basa su fattori come le condizioni meteorologiche, la qualità del raccolto, l’annata e le tendenze dei consumatori. Questi elementi, insieme a domanda e offerta, determinano il prezzo del vino. Poiché non sono collegati al mercato azionario, gli investimenti in vino possono completare efficacemente un portafoglio tradizionale.

Vino e azioni: Qual è l’investimento migliore?

Se stai considerando se investire in vino sia meglio che investire in azioni, è utile fare un confronto diretto. Proprio come l’S&P 500 misura le performance delle azioni statunitensi, il London International Vintners Exchange (Liv-ex) è il punto di riferimento per il mercato dei vini pregiati. Tra luglio 2001 e luglio 2021, il Liv-ex Fine Wine 100 è cresciuto del 270,7%, superando l’S&P 500 di 8 punti percentuali se non consideriamo i dividendi reinvestiti. Tuttavia, con i dividendi reinvestiti, l’S&P 500 ha superato il Liv-ex del 60% nello stesso periodo.

Il Sotheby’s Wine Index ha costantemente battuto l’S&P 500 dal 2005, con una breve eccezione nel 2021. Allo stesso modo, il Sotheby’s Burgundy Market ha sovraperformato l’S&P 500 dal 2007, e l’indice Sotheby’s Bordeaux Market lo ha superato dal 2005 al 2019.

Investire in vino può essere molto redditizio, ma richiede attenzione. Indici come Liv-ex e Sotheby’s monitorano molti vini diversi, e non tutti i vini inclusi replicano le performance dell’indice. Per questo motivo, è importante diversificare il tuo portafoglio di vini, proprio come faresti con le azioni. Acquista una varietà di vini per evitare di dipendere troppo dalla performance di un’annata o di un produttore specifico.

Punta su vini di alta qualità piuttosto che sulle bottiglie più economiche. Alfonso de Gaetano, fondatore di Crurated, una comunità vinicola basata sull’iscrizione, consiglia: “La qualità del prodotto è fondamentale. La qualità garantisce anche la longevità, permettendo al proprietario della bottiglia di non avere pressioni temporali nel caso decida di venderla invece di berla. Anche la rarità è un elemento chiave dell’equazione.”

Le migliori cantine italiane per investire

Se vuoi investire nel vino, l’Italia offre alcune delle migliori opportunità grazie alla sua lunga tradizione vinicola e alla qualità dei suoi vini. Ecco alcune delle cantine italiane più promettenti dove investire:

  • Gaja: Questa cantina è famosa per i suoi Barbaresco e Barolo, due vini che si distinguono per il loro eccellente potenziale di invecchiamento. I vini di Gaja sono molto ambiti dai collezionisti e spesso rappresentano investimenti sicuri.
  • Tenuta San Guido (Sassicaia): Pioniere del movimento Super Tuscan, Sassicaia è uno dei nomi più ricercati nel mondo del vino. I suoi vini sono apprezzati per la loro qualità e il loro valore crescente, rendendoli una scelta eccellente per gli investitori.
  • Ornellaia: Situata anch’essa in Toscana, Ornellaia è nota per produrre vini che aumentano costantemente di valore. Questo la rende una cantina molto solida per chi cerca investimenti nel settore vinicolo.

Come valutare un vino da investimento

Valutare un vino da investimento richiede l’analisi di diversi fattori, alcuni fondamentali e altri legati alla domanda e all’offerta sul mercato.

Jamie Ritchie, responsabile globale dei vini di Sotheby’s, sottolinea che i vini provenienti da vigneti e denominazioni limitate, come quelli di Borgogna e Bordeaux, tendono a vedere un incremento di prezzo nel tempo. Questo avviene perché l’offerta è limitata, mentre la domanda rimane alta.

Indipendentemente dalla provenienza, ci sono vari aspetti che influenzano il potenziale di un vino come investimento. Segui questi semplici passaggi per assicurarti di acquistare un vino di qualità:

Attenzione all’annata

L’annata, ossia l’anno in cui l’uva viene raccolta e il vino prodotto in una specifica regione, è cruciale. La qualità del raccolto varia annualmente, e il clima gioca un ruolo determinante. Per fare un buon investimento, devi conoscere le annate che offrono la migliore produzione del vino su cui stai puntando.

Valuta la reputazione del produttore

La reputazione del produttore di vino influisce notevolmente sul potenziale di apprezzamento di un vino. Molti dei vini più pregiati provengono da produttori di spicco come Domaine de la Romanée-Conti (DRC), Pétrus, Château Mouton Rothschild e Château Lafite Rothschild, così come da regioni rinomate come la Borgogna e Bordeaux.

Comprendi il potenziale di invecchiamento e la longevità

Il potenziale di invecchiamento è essenziale per i vini pregiati. Alcuni vini invecchiano meglio di altri, influenzati dal tipo di uva, dal livello di acidità e dai tannini. Anche l’esperienza del produttore nella creazione di vini longevi è un fattore chiave. Generalmente, i vini da investimento maturano circa 10 anni dopo l’imbottigliamento, ma alcuni possono invecchiare molto più a lungo, aumentando di valore e qualità nel tempo.

Esamina la scarsità e la storia dei prezzi

La scarsità aumenta il valore delle annate. Ad esempio, il Domaine de la Romanée-Conti è famoso per produrre Borgogna molto ricercati, ma a causa delle sue dimensioni limitate, produce solo circa 450 casse all’anno. La storia dei prezzi di un vino mostra la tendenza del suo valore: i vini da investimento tendono a mostrare una progressione costante verso l’alto. CJ Follini di Noyack Capital consiglia di dedicare almeno sei mesi o un anno a osservare le aste per comprendere le tendenze del mercato prima di investire.

Non dimenticare i critici del vino

Le opinioni dei critici del vino possono influenzare fortemente il valore di un vino. Critici come Robert Parker, James Suckling e Jancis Robinson sono particolarmente influenti. Assicurati di consultare le loro valutazioni sui vini che stai considerando.

Acquisisci quanta più esperienza possibile

Investire in vino richiede conoscenze approfondite e preparazione. È fondamentale istruirsi sul mercato, definire i propri gusti, lo stile di vino che interessa, e gli obiettivi di rendimento. Ritchie consiglia libri come “The New Sotheby’s Wine Encyclopedia” di Tom Stevenson, “Inside Burgundy” di Jasper Morris e “Inside Bordeaux: The Châteaux, Their Wines and the Terroir” di Jane Anson per approfondire le conoscenze su queste regioni ricche di vini da investimento. Inoltre, pubblicazioni come “Robert Parker’s Wine Advocate” e “Wine Spectator” sono risorse preziose per iniziare.

Vantaggi dell’investimento nel vino

Investire nel vino può essere una passione prima ancora che un’opportunità finanziaria. Molti investitori scelgono di entrare in questo mondo affascinante perché amano il vino e il piacere di possederlo.

Secondo Kimberly Foss, presidente di Empyrion Wealth Management, “la maggior parte degli investitori seri di vino appartiene alla fascia alta del patrimonio. Sono appassionati che si sono istruiti a fondo su ciò che rende un vino un buon investimento. Il vero piacere è avere il vino nelle proprie mani”.

Ma anche se non sei un grande esperto, investire in vini pregiati offre diversi vantaggi:

  • Diversificazione del portafoglio senza correlazione con le attività tradizionali.
  • Minore volatilità di mercato.
  • Gestione del rischio del portafoglio.
  • Maggiore potenziale di rendimento.
  • Preservazione del valore durante crisi o recessioni economiche.

Svantaggi dell’investimento nel vino

Tuttavia, investire nel vino comporta anche alcuni svantaggi, principalmente legati ai costi. Molti non considerano tutte le spese associate alla gestione di un bene fisico come il vino.

Ecco alcuni aspetti da tenere a mente:

  • Investimento iniziale elevato: Per avviare una collezione di vini pregiati, potrebbero essere necessari almeno 15.000-25.000 dollari. Gli alti costi fissi richiedono un investimento significativo per ottenere economie di scala.
  • Premio dell’acquirente: Acquistando tramite una casa d’aste commerciale, dovrai pagare un premio che varia dal 15% al 25%. Ad esempio, Christie’s applica una maggiorazione del 25% sull’offerta vincente.
  • Spese di spedizione: Essendo un bene fisico, il vino comporta costi di spedizione, che possono essere elevati a seconda del peso e della distanza.
  • Costi di stoccaggio: Il vino richiede un ambiente controllato. Le opzioni di conservazione vanno dal frigorifero domestico a una cantina professionale, con relativi costi di manutenzione.
  • Assicurazione: I beni di valore devono essere assicurati contro perdite o danni. I premi assicurativi possono essere elevati a seconda del valore della collezione.
  • Periodo di conservazione: Il vino pregiato può richiedere dai sette ai dieci anni (o più) per raggiungere il suo massimo valore. Non è un investimento adatto a chi cerca guadagni a breve termine. Sarai responsabile di vendere o mettere all’asta il vino al momento giusto per massimizzare il ritorno sull’investimento.

Come acquistare vino come investimento

Il vino viene venduto sia nel mercato primario che in quello secondario. Nel mercato primario, il vino passa dal produttore al consumatore attraverso distributori all’ingrosso che lo vendono ai dettaglianti.

Il mercato secondario è quello in cui la maggior parte dei collezionisti e degli investitori acquista il vino. In questo mercato, i collezionisti, gli enofili e gli investitori vendono il vino attraverso le case d’asta, le borse e gli intermediari del vino.

Acquistare vino alle aste

Le case d’asta sono la fonte più affidabile per i vini pregiati nel mercato secondario. Offrono un’ampia selezione di produttori e annate, mantenendo una reputazione prestigiosa e vendendo solo vini di altissima qualità.

Le aste possono essere dal vivo, online o per telefono. Tra le principali case d’asta ci sono Sotheby’s, Christie’s, Acker Merrall & Condit e Zachys.

Comprare vino alle aste online

Molte case rinomate si specializzano in aste online, sempre più popolari. Queste aste attirano un vasto pubblico, offrendo una maggiore varietà di tipologia, prezzo e quantità. Inoltre, collezionisti e investitori possono partecipare comodamente senza limitazioni geografiche.

Ecco alcune delle principali case d’asta online:

  • Brentwood Auctions: Organizza aste online settimanali dal 1998.
  • Crurated: Fondata nel 2021 in Borgogna, specializzata in annate giovani.
  • Heritage Auctions: La più grande casa d’aste di oggetti da collezione negli Stati Uniti, fondata nel 1976.
  • Winebid: Pioniera nelle aste di vino online dal 1996, con 52 aste all’anno.
  • Zachys: Azienda familiare fondata nel 1944, offre consulenza e aste online.

Acquistare tramite una borsa del vino

Le borse del vino connettono acquirenti e venditori come una borsa valori. Dopo aver concluso un affare, si paga una commissione alla borsa. In Italia, le due borse più importanti sono:

  • Wine Platform: Una piattaforma italiana che permette di acquistare e vendere vini pregiati, fornendo anche servizi di stoccaggio e certificazione.
  • Ewibe: Una borsa del vino che offre un’ampia gamma di vini italiani, garantendo transazioni sicure e trasparenti. Puoi esplorare di più su Ewibe.

Come Investire nel Vino Senza Essere Ricchi

Investire nel vino può sembrare una sfida, ma non devi essere un magnate per iniziare. Oggi, esistono molte opzioni che rendono l’investimento nel vino accessibile anche agli investitori comuni. Se hai una passione per il vino e vuoi esplorare questo mercato, ecco alcune opportunità che potrebbero fare al caso tuo.

Piattaforme di Investimento nel Vino

Se vuoi entrare nel mondo dell’investimento vinicolo senza complicarti la vita, considera l’utilizzo di piattaforme specializzate. Ecco alcune delle principali:

  • Vinovest: Con Vinovest, puoi aprire un conto, finanziarlo e iniziare a investire in pochi minuti. Questo servizio online offre portafogli gestiti e una piattaforma di trading intuitiva.
  • Vint: Questa piattaforma è accessibile a chiunque e permette di investire in azioni qualificate SEC di alcuni dei migliori vini al mondo. Non ci sono minimi di investimento né commissioni mensili.
  • Cult Wine Investment: Per chi è pronto a investire almeno 10.000 dollari, Cult Wine Investment offre portafogli personalizzati basati sulla tua tolleranza al rischio, obiettivi di rendimento e orizzonte temporale. Con un investimento di 35.000 dollari, ottieni una gestione completamente personalizzata.

Inoltre, puoi investire in vino attraverso i tuoi conti pensionistici individuali (IRA) autogestiti, come Alto IRA, se desideri diversificare il tuo portafoglio di pensione con vini pregiati.

Fondi e Futures sul Vino

Se preferisci investire attraverso il tuo conto di intermediazione esistente, puoi esplorare fondi, azioni e derivati legati al vino pregiato:

  • Fondi sul Vino: Alcuni fondi specializzati in vino includono Anpero Capital, Sommelier Capital e Wine Investment Fund. Tieni presente che alcuni di questi sono riservati agli investitori accreditati.
  • Azioni del Settore Vinicolo: Aziende come Constellation Brands Inc. (STZ), Diageo PLC (DEO) e Truelt-Hurst Inc. (THST) sono tra i titoli del settore vinicolo. Anche il gigante del lusso LVMH (LVMUY), noto per i suoi prestigiosi produttori di Champagne come Veuve Clicquot e Moët, offre un’esposizione al mercato del vino.
  • Futures sul Vino: I futures sul vino, conosciuti anche come en primeur, ti permettono di acquistare vino direttamente dal produttore mentre è ancora in botte. Bordeaux e Borgogna sono le regioni più comuni per questi acquisti anticipati. Comprare vino en primeur può essere vantaggioso perché spesso costa meno e può garantire accesso a bottiglie altrimenti difficili da trovare. Tuttavia, è cruciale fare ricerche approfondite sul produttore e sull’annata prima di intraprendere questo tipo di investimento. Ricorda, i futures sul vino sono complessi e spesso è meglio affidarli a trader esperti.
b4a9e636838672df53cb92c17cff6ef8?s=100&r=g

Domenico Sottile

Domenico Sottile è un professionista del marketing digitale e scrittore con oltre 7 anni di esperienza nell'aiutare le persone a guadagnare online. Ha lavorato con diverse aziende e startup, offrendo consulenza su strategie di marketing, affiliazione e e-commerce. Domenico è appassionato di condividere le sue conoscenze attraverso articoli informativi e guide pratiche per il successo online.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *