Vai al contenuto

Come Investire in ETF

Come Investire In ETF

Se vuoi scoprire come investire in ETF, sei nel posto giusto! Questo articolo ti guiderà passo dopo passo: dall’apertura di un conto alla scelta dell’ETF ideale, fino alla gestione del tuo investimento nel tempo.

Gli ETF (Exchange-Traded Funds) rappresentano una porta d’ingresso eccellente al mondo degli investimenti. Grazie ai loro costi contenuti e alla diversificazione che offrono, possono ridurre il rischio rispetto all’investimento in singole azioni, rendendoli una scelta intelligente per chiunque voglia iniziare a investire nel mercato azionario.

Le informazioni contenute in questo articolo sono fornite da professionisti del settore finanziario con una comprovata esperienza nella consulenza sugli investimenti. Il nostro obiettivo è fornire contenuti accurati e aggiornati, ma invitiamo i lettori a fare ulteriori ricerche e a consultare esperti finanziari prima di intraprendere qualsiasi strategia di investimento.

Disclaimer: Le informazioni contenute in questo articolo sono a scopo informativo e non costituiscono consulenza finanziaria. Si raccomanda di consultare un consulente finanziario qualificato prima di prendere decisioni di investimento.

ETF per principianti

Se sei un investitore alle prime armi, un buon punto di partenza è acquistare ETF che seguono indici di mercato ampi, come l’S&P 500. Questo ti permette di investire in alcune delle maggiori società del Paese, puntando a ottenere rendimenti a lungo termine.

Oltre alla scelta dell’indice, valuta il rischio e il rapporto di spesa del fondo. Il rapporto di spesa indica quanto pagherai in commissioni ogni anno per possedere l’ETF: più basso è il rapporto di spesa, meno inciderà sui tuoi rendimenti.

Investire in ETF può essere un modo efficace per diversificare il tuo portafoglio e ottenere esposizione a una vasta gamma di aziende con un’unica transazione. Assicurati di fare ricerche approfondite e scegliere ETF che si allineano con i tuoi obiettivi di investimento e la tua tolleranza al rischio.

Tipi di ETF

Investire in ETF offre l’opportunità di diversificare il tuo portafoglio con vari asset e mercati. Ecco alcuni dei principali tipi di ETF:

  • ETF azionari: mirano a replicare l’andamento di un indice azionario.
  • ETF obbligazionari: seguono un indice obbligazionario, esponendoti a titoli di stato o corporate.
  • ETF specialistici: si concentrano su settori specifici come tecnologia, sanità o immobiliare.
  • ETF sostenibili: investono in aziende con alti standard ambientali, sociali e di governance (ESG).
  • ETF sulle materie prime: replicano l’andamento delle materie prime come oro, petrolio o agricoltura.
  • ETF fattoriali: seguono strategie di investimento basate su fattori come valore, crescita o volatilità.
  • ETF valutari: permettono di investire in diverse valute, proteggendoti dalle fluttuazioni dei tassi di cambio.

Diversificare il tuo portafoglio con questi ETF riduce il rischio complessivo. Se un settore o una società performano male, altri investimenti possono compensare le perdite. È essenziale valutare il tuo piano finanziario per capire quali tipi di ETF si adattano meglio ai tuoi obiettivi di investimento e alla tua tolleranza al rischio.

Come investire in ETF

Ecco come trovare e acquistare gli ETF in pochi passi.

1. Apri un conto di intermediazione

Per comprare e vendere ETF, hai bisogno di un conto di intermediazione. Se non ne hai già uno, consulta la nostra guida su come aprire un conto di intermediazione. Puoi farlo online, e molti broker non richiedono un saldo minimo né applicano commissioni di transazione o di inattività. Aprire un conto di intermediazione è facile e simile all’apertura di un conto bancario.

Se preferisci che qualcuno gestisca i tuoi investimenti per te, valuta l’apertura di un conto con un robo-advisor. I robo-advisor costruiscono e gestiscono un portafoglio di investimenti, spesso utilizzando ETF, per una bassa commissione annuale (solitamente intorno allo 0,25% del saldo del conto). Questi servizi selezionano gli investimenti per te, quindi potresti non avere la possibilità di scegliere specifici ETF. Tuttavia, questo è proprio il loro punto di forza: ti risparmiano il lavoro di selezione e gestione degli investimenti.

2. Trovare e confrontare gli ETF con gli strumenti di screening

Ora che hai aperto il tuo conto di intermediazione, è il momento di scegliere quali ETF acquistare. Proprio come fai per le azioni, è essenziale fare una ricerca approfondita sugli ETF. Che tu stia cercando i migliori ETF in termini di performance o che voglia esplorare altre opzioni, ci sono diversi metodi per semplificare la selezione degli ETF.

Negli Stati Uniti, ci sono migliaia di ETF quotati, quindi gli strumenti di screening sono fondamentali per trovare quelli giusti. La maggior parte dei broker offre strumenti di screening avanzati per filtrare l’universo degli ETF disponibili in base a vari criteri come tipo di attività, geografia, settore, performance di trading o fornitore del fondo. Utilizza questi criteri nello screener del tuo broker per restringere la scelta:

  1. Spese Amministrative: Conosciute anche come rapporti di spesa, queste spese incidono sui profitti, quindi è meglio che siano basse. Secondo Morningstar, il rapporto di spesa medio ponderato per i fondi a gestione passiva è stato dello 0,12% nel 2022, un buon punto di partenza per lo screener. Tuttavia, non esitare a cercare ETF con rapporti di spesa ancora più bassi.
  2. Commissioni: Queste sono le spese che paghi per ogni transazione di acquisto o vendita di un ETF. Oggi, la maggior parte dei principali broker online offre commissioni praticamente inesistenti, ma è sempre bene controllare prima di acquistare. Alcuni broker che applicano commissioni offrono comunque ETF senza commissioni.
  3. Volume: Questo indica il numero di azioni scambiate in un determinato periodo di tempo ed è un indicatore della popolarità di un fondo.
  4. Partecipazioni: Puoi vedere le principali partecipazioni del fondo, cioè le singole società in cui il fondo investe.
  5. Performance: Anche se i risultati passati non garantiscono rendimenti futuri, può essere utile confrontare la performance storica di fondi simili. Guarda la performance a lungo termine, per esempio a tre, cinque o dieci anni, piuttosto che solo l’ultimo anno.
  6. Prezzi di Negoziazione: Gli ETF vengono negoziati come le azioni. Controlla i prezzi correnti per capire quante azioni puoi permetterti di acquistare.

3. Piazzare un’operazione di acquisto

Acquistare ETF è un processo molto simile all’acquisto di azioni. Accedi alla sezione “trading” del sito del tuo broker. Qui potrai acquistare o vendere ETF utilizzando il loro simbolo ticker. Ecco cosa devi sapere per completare l’operazione:

Simbolo del ticker

Il simbolo del ticker è l’identificativo unico dell’ETF che desideri acquistare. Verifica attentamente di avere il simbolo corretto prima di procedere.

Prezzo

Il prezzo di negoziazione corrente è determinato da due valori:

  • Bid: il prezzo più alto che gli acquirenti sono disposti a pagare.
  • Ask: il prezzo più basso che i venditori sono disposti ad accettare.

Numero di azioni

Specifica il numero di azioni che desideri acquistare.

Tipo di ordine

Scegli il tipo di ordine più adatto alle tue esigenze. Ecco i principali:

  • Ordine di Mercato: Acquista il prima possibile al miglior prezzo disponibile.
  • Ordine con Limite: Acquista solo a un prezzo specifico (o inferiore).
  • Ordine Stop: Acquista una volta raggiunto un prezzo specifico (il prezzo di stop).
  • Ordine Stop-Limit: Quando viene raggiunto il prezzo di stop, l’operazione diventa un ordine limite e viene eseguita fino al raggiungimento del limite di prezzo specificato.

Commissione

Verifica se il broker addebita una commissione per l’operazione. Molti broker offrono ora operazioni in ETF senza commissioni.

Fonte di finanziamento

Assicurati che il tuo conto bancario collegato abbia fondi sufficienti per coprire il costo totale dell’operazione.

Prima di eseguire l’ordine, avrai l’opportunità di verificare che tutto sia corretto. Controlla attentamente il simbolo del ticker, il tipo di ordine e il numero di azioni. Assicurati di non aver commesso errori di battitura, come digitare 1.000 azioni quando intendi acquistarne solo 100. Ecco un esempio di come potrebbe apparire all’interno di un broker come Vanguard.

Piazzare correttamente un’operazione ti aiuterà a investire in modo efficiente e sicuro.

4. Siediti e rilassati

Congratulazioni, hai appena acquistato il tuo primo ETF! Questi fondi possono costituire la base di un portafoglio ben diversificato e rappresentare il primo passo verso un investimento duraturo nei mercati. Non è necessario controllare compulsivamente l’andamento del tuo ETF (o degli altri tuoi investimenti). Puoi accedere a queste informazioni quando ne hai bisogno controllando il simbolo del ticker sul sito web del tuo broker o semplicemente digitandolo su Google.

Se ti stai chiedendo come il tuo nuovo acquisto di ETF possa influire sui tuoi obiettivi di investimento a lungo termine, puoi esaminare diversi scenari (ad esempio, rendimenti annui del 9% o del 5%) utilizzando un calcolatore di investimenti.

Domande Frequenti

In che modo un ETF è diverso da un’azione?

Quando compri azioni singole, stai acquistando una parte di una singola società. Un ETF, invece, contiene un mix di diverse azioni, obbligazioni, materie prime o una combinazione di queste. Acquistando un ETF, ottieni una fetta di tutti questi titoli. Questo ti permette di diversificare il tuo portafoglio in modo semplice. Se volessi ottenere la stessa diversificazione comprando azioni singole, dovresti fare molte ricerche e acquistare azioni di molte società diverse.

Gli ETF sono più sicuri delle azioni?

In molti casi, gli ETF possono essere più sicuri delle azioni grazie alla loro diversificazione intrinseca. Se compri azioni di una singola società e questa va male, il valore delle tue azioni scende. Se quella è l’unica azione nel tuo portafoglio, o una delle poche, potrebbe essere un duro colpo per le tue finanze. Al contrario, se possiedi azioni di un ETF e una o due delle sue componenti vanno male, le altre partecipazioni dell’ETF possono compensare le perdite.

Gli ETF sono adatti ai principianti?

Gli ETF sono ottimi per i principianti. Sono relativamente economici, disponibili sia tramite robo-advisor che broker tradizionali, e generalmente meno rischiosi rispetto all’acquisto di singole azioni. (I robo-advisor sono consulenti di investimento online che costruiscono e gestiscono un portafoglio per te, spesso utilizzando gli ETF per il loro basso costo).

Articoli correlati:

b4a9e636838672df53cb92c17cff6ef8?s=100&r=g

Domenico Sottile

Domenico Sottile è un professionista del marketing digitale e scrittore con oltre 7 anni di esperienza nell'aiutare le persone a guadagnare online. Ha lavorato con diverse aziende e startup, offrendo consulenza su strategie di marketing, affiliazione e e-commerce. Domenico è appassionato di condividere le sue conoscenze attraverso articoli informativi e guide pratiche per il successo online.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *